Misc Unsigned Bands - Mino De Santis - Lu Fidanzamentu chords

Chords
Transpose
Per la prima e l'ultima strofa direi di suonare ogni accordo una volta sola; per 
tutte le altre strofe pizzicato con basso alternato.

I.
Dm Dm7 D D7“Carmelucciu tocca bbeni,tocca beni a casa mia,
Gm Dm A Dmndane tittu allu papà ca cuntamu sulla via”
“e va bene cara Rosa sciamu a casa te li toi prima o poi ndine spumpare s'ia ssapire te nui doi.” II.
D7 GmComu smarcane la porta cu lla manu nella manu
D7 Gmse ritrovane in cucina cu llu sire in primo piano,
C7 FCarmelucciu emozionato lu nturtija nu salutu
C7 A"cu mme fazzu ccanuscire ieu sta sera su banutu.
I Bonasera a tutti quanti ,bonasera a sta famija ieu me chiamu Carmelucciu su llu zitu di tua figlia, e llu sire a cannottiera se lu squatra palmu palmu e dà n'occhiata alla muiere,apparentemente calmu. II "Carmelù te poi ssattare ci o' tte vachi lu liquore nu tte pozzu ccumpagnare m'ha proibitu lu tuttore ieu me chiamu Pascalinu ma pè tie sù llu papà, nci tenimu a certe cose ghe rispettu quistu quà. I E la mamma travaiata caccia dolci e paste secche poi la coppa cu lle fiche ca ave coddu te le macchie. Topu tanti zibbi mmolle cunta e cunta ore e ore "Carmelù ci oi beni a quai m'hai nducì lu genitore". II Cusì an' capu alli ottu giurni,mamma sire sorellina nonni zzii frati naputi ,tutta quanta la strappina, "su lu sire di Carmelu,quista è lla muiere mia poi nc'è fijuma Tunatu tata Peppe e nonna Cia. I "Ieu me piace sta famija,seria onesta riservata gente ca nu ssa mai ntisa,ca te tutti ghe stimata" "Puru a mie cumpare meu,me piace la famija toa te sti tiempi comu a b’ui ,fijama a dru scia lli troa". II "Cci ghe beddra sta vagnuna ,seria sperta educata già te comu m'ave vista m'ha chiamata mamma Vata" "nna cummare ci sta dici,ieu me piace Carmelucciu beddru te modu e de fattu,e poi fatia comu nu ciucciu". I “Uei cumpare Pascalinu mo pruamu lu liquore” "nu tte pozzu ccumpagnare m'ha proibitu lu tuttore". "nu dda retta alli tuttori pijala com'ete ete ieu me stonu te anisetta stau cu lla tiabete". II E brindamu a sti vagnuni alla vita ca s'ane fare ndaggiu tatu casa terra,to caddrine e nu maiale, "ca ieu puru cci tte penzi,nc'è tre cascie cu lla tota lu piuminu lu piumone,tutta rrobba urtima mota. I "Carmelùcciu ci sta faci sta tte vasi la vagnuna ci te penzi ca sta piji, quista è na famija bona", "Uei cumpare Pascalinu,mancu fijuma ghe minchia sta lli quardu tutti toi,ete iddra ca se rrunchia". II “Ei ma comu te permetti,nzurti intra ccasa mea vaffancul'a ttie e ci sinti,tie e tutta la razza toa.” Se ziccara poi le femmane:"brutta crapa te Surrientu, su banuta sulamente ttegnu fijuma cuntentu". I Ma cci dici nfracituta,nu ssi degna te sta casa a ddru i cchiatu naddra nora comu fijama la Rosa, sape tuttu lu paese ca le case ca hai ccattatu, l'hai pacate cu lli sordi ca don Totu t'ave tatu. II Statte queta curnutuna prima quardate allu specchiu, sta muribbe te la fame ci nun era pe llu vecchiu. "Ci m'ia cchiatu cchiu carusu..."controbatte tata Peppe, "pè l'amore te Carmelu ieu b'ia fatti già a purpette". I E lla nonna ntartajava:"ci ia tanutu la tentiera, m'ia manata a mozzacate,t'ia scannata ieu stasera". Taulini seggie all'aria caggi schiaffi e carcagnate tenti an'terra piatti rutti,mustazzuni e mozzacate. II Tata Peppe cu lla mazza ia catutu capisotta sse ricoje lu tarloci nel fragore della lotta; ddra cucina ia devantatu ormai nu campu te battaglia Pascalinu apriu lu stipu ziccau a manu la tanaja: I “Ieu sta sera lu commettu ,lu commettu nu delittu” "prima stusciate lu muccu pampascione,statte cittu", e tie troia ci te pensi? A quai tutti lu sapimu cci facii quand'eri verde quandu ssia lu Pascalinu". II "Cci facivi tisgraziata ieu mai nenti aggiu saputu m’aggiu fatti tanti cabbi e mò sarà ca su curnutu?! "parcè tie la zocculuna?nde l’hai titta a tuo marito? se giustà cu ba alla chiesa ma scia a retu lu trappitu I Disgraziata me mprusai ca ivi ssire cu sservi messa E a dra rretu lu trappitu te nde sci me faci fessa te ndai sempre prufittata ca stau cu lla tiabete. E vanivi lu majatone scusu retu lu parete II A stu puntu Carmelucciu ozze dica tò palore se mpizzau susu lla seggia cu na manu su llu core; "nditi fatte cotte e crute,curnutuni e puttanazze e ave tutta la serata ca vantati roba e razze, I ha ca sta zocculisciati te lu seculu passatu e mo na rissa pe nu vasu ca ieu e Rosa ndimu tatu". II A stu puntu tutti quanti,nu truandu cchiui palore se llusciara lumbi e sfreggi, lamentandu ogni dulore poi consuoceri e consorti se la strinsera la manu, tata Peppe castimava stisu susu llu divanu. I E la voce cchiu pacata te li stessi fidanzati: "Che continui questa festa mo' ca b’iti presentati".
Tap to rate this tab
 
# A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z